YouTube Unplugged, nascerà la Tv on demand di Google

By | 9 novembre 2016

 

 

Anche Google punta alla Tv in streaming e lo fa attraverso YouTube o meglio, dando vita, dall’evoluzione della piattaforma per la condivisione dei video, a YouTube Unplugged. La nuova costola di YouTube, che consiste in un servizio televisivo disponibile sulla piattaforma video a fronte di un abbonamento, con molta probabilità sarà disponibile entro il 2017. Inizialmente i fruitori di questo servizio saranno solo gli utenti americani, ma visti gli investimenti con cui Google in più modi sta rilanciando YouTube, non bisognerà attendere molto perché la novità possa essere accolta con favore anche in Europa.

Dopo il recente lancio negli Usa di YouTube Red, che consente con un abbonamento di 10 dollari di poter vedere i video senza pubblicità, Google guarda ancora più lontano, rinnovando il modo di vedere film o serie Tv. Così come già si sono apprestate a fare colossi come Amazon e Apple, ecco che anche gli ingegneri di Google si sono messi al lavoro per rincorrere Netflix, tutti con lo scopo di afferrare un pezzo di una torta molto invitante, composta da un numero sempre maggiore di telespettatori paganti che prediligono alla classica Tv, i video on-demand, da poter guardare in tutta libertà in base alle proprie esigenze ed orari. È infatti su quest’ottica che la società statunitense Netflix ha costruito la sua fama, offrendo oltre ad un servizio di noleggio di DVD e videogiochi via Internet, anche un servizio in abbonamento di streaming online on demand.

Se è vero che è già da tempo che si vocifera di una Tv di YouTube, oggi finalmente il gigante di Mountain View sembra essere giunto ad un punto di svolta. Si delinea quindi il nome con cui Google intende dar vita alla propria TV in streaming, per la prima volta si parla di YouTube Unplugged, ma si fissa anche un termine entro cui rendere fruibile il servizio, ovvero il 2017. L’accelerata di YouTube per raggiungere il traguardo è evidente, anche per non restare indietro alle aziende concorrenti, ma in realtà ai vertici di Google nessuno conferma o smentisce quanto è trapelato in queste ore. Altrettanto silenzio e riservatezza c’è per gli accordi che Google starebbe stringendo con compagnie come la Viacom, NbcUniversal e Twenty-First Century Fox anche se al momento non sarebbe stato ancora sottoscritto nessun contratto per i diritti delle trasmissioni.

fonte:qui