Terremoto, forti scosse(crolli e vittime, notte da incubo)

By | 24 agosto 2016

f1

 

 

 

 

 

 

 

 

Terremoto nella notte tra Amatrice e Perugia. Secondo l’Ingv l’intensità è stata pari al grado 6 di magnitudo con l’epicentro, avvenuto alle 3.33, nei pressi di Accumoli, nel Reatino al confine con l’Umbria, comune di Norcia a una profondità di 9 chilometri. Altre scosse si sono sentite successivamente. Il terremoto è stato avvertito anche a Roma e in tutto il centro Italia.

Sono segnalati crolli ad Amatrice, ad Arquata e nella stessa Norcia. Ad Ascoli, dove si è registrato un black out elettrico, gran parte degli abitanti è scesa in strada.

Il maggior numero di danni al momento si registra nell’amatriciano, nella parte settentrionale della provincia di Rieti che in questo periodo ospita molti turisti. Il sindaco di Amatrice segnala persone sotto le macerie e forti danni e sta cercando di avere notizie dalle oltre 70 frazioni sparse su un vasto territorio montano: nel paese capoluogo tutti gli abitanti sono in strada e alcune abitazioni sono crollate poco dopo essere state abbandonate. Sempre il sindaco ha lanciato un appello per liberare le strade per facilitare l’arrivo dei soccorsi che utilizzeranno in particolare la statale Salaria. Un ponte di una strasa interna sarebbe crolatto e sono state preparare piazzole per l’atterraggio degli elicotteri.

A Norcia è crollato il pinnacolo della chiesa.




La scossa è stata avvertita chiaramente, conferma il centralino dei vigili del fuoco, in tutta la Capitale, non solo nei piani alti degli edifici. Molte persone sono scese in strada. Alla prima scossa, che ha fatto oscillare con evidenza i lampadari, ne sono seguite almeno altre due più leggere. Poi alle 4.33 una scossa molto più forte, quasi quanto la prima, ma più breve: 6 secondi rispetto ai 14 di quella iniziale. Al momento a Roma non vengono segnalati danni e il 115 invita a seguire le notizie sul web e in tv.

Poco prima delle 4 era stato convocato il Comitato operativo della protezione civile, avvisato il premier Renzi

articolo originale

 




fonte:www.ilmessaggero.it